Intestazionehome | mappa | cerca | credits | mail

torri medioevali fuori le mura tor fiscale

 

In questa pagina:

Tor Fiscale

Ripresa aerea di Tor Fiscale
con Microsoft Virtual Earth

Altre torri fuori le Mura
(indice alfabetico)

Nota
In questa sezione sono descritte le fortificazioni medioevali esterne alla Mura di Aureliano (ma comunque all'interno dell'ambito territoriale odierno di Roma) che conservano cospicui resti medioevali.



titolo
Il sito di Roma Medioevale

A cura di
Fabrizio Alessio Angeli
Elisabetta Berti

© 2001-2012 Roma (I)
Associazione SestoAcuto
Tutti i diritti riservati

Salvo diversa indicazione,
tutti i testi e le fotografie
sono dei curatori.

Questa pagina è stata aggiornata il 18.10.2007

Tor Fiscale
1. Lati Sud e Ovest

TOR FISCALE (vicolo di Tor Fiscale)
Tra il miglio 3° ed il 4° miglio della via Latina, gli antichi acquedotti della Claudia e della Marcia s'incrociavano due volte in 300 metri, formando uno spazioso trapezio di oltre due ettari. Questo terreno si prestava bene a essere trasformato in una sorta di castello fortificato dal quale si poteva controllare la via Latina e la via Appia, cosa che fecero i goti nei primi anni della Guerra Greco-Gotica (535-553).

"Due acquedotti esistono tuttora fra la via Latina e l'Appia, alti assai, e per un lungo tratto sollevati su fornici. Questi due acquedotti, in un luogo distante da Roma 50 stadi, vengono a incontrarsi e quindi si volgono in senso contrario, cosicché quello che prima andava a destra ora a va a sinistra; poi si riuniscono ancora e riprendono il precedente percorso, tornando separati. Di conseguenza, lo spazio chiuso dagli stessi acquedotti si trova a essere difeso dagli acquedotti circostanti. I barbari, murando con pietre e terra la parte inferiore dei fornici, diedero al luogo la forma di un campo fortificato e vi posero un presidio di non meno di settemila uomini per impedire che i nemici assediati in città ricevesssero approvvigionamenti" (Procopio, Bellum Gothicum, II, 3).

In seguito all'occupazione gotica, il luogo assunse il toponimo di Campus Barbaricus: con tale denominazione è ricordato in un diploma del 687 di Sergio I (687-701) e dal regesto di Gregorio II (715-731).
L'importanza strategica di questa località è dimostrata dal fatto che, anche nei secoli successivi, se ne giovarono allo stesso scopo gli eserciti che miravano alla conquista di Roma; sappiamo per esempio che nel 1084 le truppe di Roberto il Guiscardo (venuto in aiuto del Papa Gregorio VII, in lotta con l'Imperatore Enrico IV) si accamparono foris muros Urbis prope Lateranense palatium in loco qui dicitur ad arcus.
Oggi purtroppo non è facile cogliere immaginare che aspetto avesse questo campo fortificato; infatti, da una parte, l’acquedotto Marcio è stato demolito per far posto all'acquedotto Felice, dall’altra, l'acquedotto  Claudio è stato quasi ampiamente smantellato nel corso dei secoli al fine di poterne riutilizzare  i materiali in nuove costruzioni.

Tor Fiscale
2. Innesto della torre sull'acquedotto

Sull'angolo nord-est de Campo Barbarico sorge Tor Fiscale. La torre è una delle più ragguardevoli costruzioni del genere esistenti nella Campagna Romana ed è visibile anche da molto lontano, percorrendo la via Appia Nuova. Robustissima e piuttosto ben conservata, Tor Fiscale si eleva per circa 30 metri al di sopra di uno degli incroci della Claudia e della Marcia. È quadrata ed è rivestita in tufelli inframmezzati da alcuni filari di mattoni. Ha piccole finestre rettangolari, alcune delle quali conservano ancora stipiti marmorei (due per lato sovrapposte), feritoie, fori delle travature in tredici ordini e, sulla sommità, canali di scolo in marmo. Nell'interno si scorgono le tracce di tre piani coperti con volte ora precipitate, mentre si conserva l’intera volta sulla sommità, in cui si apre un foro circolare sul lato ovest. Sempre sul lato ovest, è da notare in basso un piccolo arco a sesto ribassato, costruito forse per far scaricare il peso dello parete sovrastante sulle fondazioni degli acquedotti antichi.

Tor Fiscale
3. Arco di scarico alla base del lato ovest

La torre era circondata da un antemurale, in blocchetti di tufo e mattoni; sino alla metà del XX secolo se ne potevano scorgere alcuni tratti lungo il lato nord. Un tratto di muro in tufelli, con un ordine di fori per le travature, è invece ancora visibile davanti alla torre sul lato ovest, dall’altra parte della strada; difficile a dirsi se si tratti di un resto dell’antemurale o di un edificio annesso alla fortificazione.
La costruzione della torre, in base alla tecnica costruttiva, dovrebbe risalire al XIII secolo. In questo senso, i dati architettonici sono coerenti con le fonti archivistiche; infatti, il primo ricordo della torre cade nell'anno 1277, quando Riccardo Annibaldi cedette a Giovanni del Giudice la Tenuta chiamata Arcus Tiburtinus, con torre e renclaustro.
Alla fine del Trecento  la tenuta era detta Prata eccl. s. Iohannis Lateranensis ed era di proprietà del Capitolo Lateranense. La torre è detta Turris s. Iohannis negli Statuti di Roma del 1363 e Turris eccl. s. loannis in un documento del 1368. Con il nome Turris Brancie è ricordata in un documento del 1385 mentre nel 1397 si parla del Casale olim Brancie et nunc heredum Pauli Bastardelle. Nel 1422, sebbene appartenesse ancora alla famiglia Bastardella, la torre è indicata nel 1422 come Turris Brancie alias dictus Arcus Tiburtinus.
La denominazione di Fiscale, attribuita al fondo e quindi alla torre, non compare invece prima del secolo XVII. Tale nome derivò dal fatto che la tenuta appartenne al fiscale, o tesoriere pontificio; sappiamo che intorno al 1650, il monsignor fiscale Filippo Foppi chiese al Capitolo Lateranense una derivazione dell'acqua della Marana per la sua vigna qui posta.

Vale la pena di notare che molte delle torri e dei casali medioevali meglio conservate lungo la via Latina sono nelle immediate vicinanze della Marana, il canale medioevale fatto costruire da papa Callisto II intorno al 1122. Questo fa pensare a una sorta di rapporto simbiotico tra il fiume e le torri: se il primo permise per secoli la sopravvivenza delle tenute (e quindi delle torri ivi costruite), fornendo approvvigionamento idrico, irrigazione e forza motrice per le mole, le seconde assicuravano al canale protezione e controllo.

Torre del Fiscale - Panoramica dalla via Appia Nuova
4. Tor Fiscale - Panoramica dalla via Appia Nuova

Oggi Tor Fiscale è inserita nel Parco omonimo, protetto dalla Soprintendenza Archeologica di Roma e dal Parco Regionale dell'Appia Antica; da diversi anni il Comune di Roma ne sta curando la promozione attraverso  interventi di riqualificazione, manutenzione e tutela.

Guarda la ripresa aerea di Tor Fiscale
con Microsoft Virtual Earth

 


inizio pagina | home page | mappa del sito (indice generale) | ricerca nel sito | disclaimer & credits | mail