Intestazionehome | mappa | cerca | credits | mail

andrea de leonardis su un recente libro di cardini

 

In questa pagina:

Andrea De Leonardis,
Su un recente libro di Franco Cardini (precisazione topografica)

titolo
Il sito di Roma Medioevale

A cura di
Fabrizio Alessio Angeli
Elisabetta Berti

© 2001-2012 Roma (I)
Associazione SestoAcuto
Tutti i diritti riservati

Salvo diversa indicazione,
tutti i testi e le fotografie
sono dei curatori.

Questa pagina è stata aggiornata il 09.09.2007

Andrea De Leonardis,
Su un recente libro di Franco Cardini (precisazione topografica)

Si segnala una "svista" topografica in un libro di recente pubblicazione. Il libro in questione è L'avventura di un povero crociato dello storico Franco Cardini (Mondadori, Milano 1998). A pag. 84, descrivendo la città di Roma quale era alla fine dell' XI secolo, si afferma che «…Sulla cima del Campidoglio, presso la chiesa di Santa Maria detta in Ara Coeli, si ergeva ancora la statua equestre dell'imperatore Costantino». In realtà la statua equestre di Marco Aurelio, ritenuta volgarmente effigie dell'imperatore Costantino (nota 11, pag.386), si trovava nel Medioevo davanti al Palazzo Lateranense. Di tale statua è fatta menzione per la prima volta nel X secolo: la condanna di un prefetto, Pietro, che aveva preso parte ad una rivolta contro papa Giovanni XIII (965-972), venne eseguita presso il Caballus Constantini nel Campus Lateranensis. Inoltre al Cap.15 dei Mirabilia (XII sec.), intitolato Quare factus sit equus qui dicitur Constantinus, si dice: «Lateranis est quidam caballus hereus qui dicitur Constantini …». Solo nel 1537 Paolo III, dietro suggerimento di Michelangelo, decise di trasferire la statua nella piazza del Campidoglio, nonostante le proteste dei Canonici Lateranensi. Il trasporto fu effettuato nei primi giorni del 1538 e la statua fu collocata su un basamento disegnato dallo stesso Michelangelo. Infine sul Campidoglio sorgeva la chiesa di Santa Maria in Capitolio col monastero adiacente; questa chiesa aveva tutt'altro orientamento rispetto all'odierna chiesa dell'Aracoeli (iniziata solo dopo il 1260) e occupava pressappoco lo spazio del transetto di quella.

 


inizio pagina | home page | mappa del sito (indice generale) | ricerca nel sito | disclaimer & credits | mail